ASSOCIAZIONE CULTURALE ZAK RADIO | CF:93072270817 | Strada Locogrande, 76 | 91100 | Trapani | email: info@zakradio.net | Telefono: 0923 1870226 | Whatsapp: 345 0797233

blog

Trapani – Rende: Tabellino, risultati e opinioni

Trapani – Rende: Tabellino, risultati e opinioni

Una perla di Anthony Taugordeau, su punizione, regala al Trapani una vittoria di platino contro il Rende, che viene agganciato al 2° posto in classifica, e un po’ di “calore” ai poco meno di tremila del Provinciale, alle prese con il primo freddo stagionale.

Tutto questo in una giornata in cui la Juve Stabia frena, ma proprio non riesce a perdere, visto che, contro la Vibonese, nel recupero, prima passa in svantaggio ma poi trova anche il tempo di pareggiare, confermando che quest’anno le “vespe” hanno anche qualche santo in paradiso, e in cui anche il Catania viene bloccato sullo 0 a 0 nel derby contro la Sicula Leonzio.

Ottava vittoria (su 9) casalinga, ma di tutte è stata probabilmente quella più sofferta, e sicuramente quella giocata meno bene dal Trapani.

Soprattutto per merito del Rende, il quale, va riconosciuto, ha disputato un’ottima partita, senza alzare barricate, senza rinunciare a giocare, ma al contempo senza rendersi mai particolarmente pericoloso.

Il Trapani invece, per la prima volta in casa, non riesce ad esprimere il solito gioco, non riesce ad essere “padrone” della partita, come ad esempio è accaduto contro la Juve Stabia, ma che riesce tuttavia a mantenersi compatto, soprattutto nella linea difensiva, senza concedere spazi e occasioni agli avversari.

I granata scendono in campo con Costa Ferreira, al quale quest’anno dovrà essere assegnato il “premio disponibilità” nel ruolo di esterno basso a sx, con Scrugli a dx e Pagliarulo e Mulè coppia centrale, a centrocampo Corapi, Togò e Aloi e in attacco Evacuo tra Tulli e Golfo, con ovviamente Dini in porta.

Ma subito è chiaro che gli ospiti sono ben disposti in campo e che quei 30 pt con relativo 2° posto in classifica NON sono di sicuro una casualità.

Trapani Rende

Trapani Rende

Il Trapani non riesce a dare continuità alla sua azione, non riesce quasi mai ad andare sulle fasce per rendersi pericoloso, con gli avversari che, invece, prendono possesso del centrocampo e pur senza rendersi a loro volta pericolosi, hanno in mano il pallino del gioco.

Ma alla mezz’ora del primo tempo viene fischiata una punizione dai 20 mt in favore del Trapani, che Taugordeau calcia in maniera magistrale infilando sotto la traversa l’incolpevole portiere avversario, realizzando il suo terzo gol stagionale, il secondo su punizione.

Ma nonostante il vantaggio la partita non cambia, con il Rende che comanda le operazioni e con il Trapani che spesso butta palla in avanti, costringendo il buon Felice Evacuo ad un lavoro massacrante, fatto di decine e decine di scatti per andare a recuperare qualche pallone, senza tralasciare le solite sportellate con l’intera difesa avversaria.

Nel secondo tempo la partita non cambia, mantenendo la stessa fisionomia, almeno fino al 70° min circa, quando il Rende comincia ad accusare la stanchezza di una partita passata a sbattere sul meccanismo difensivo granata e il Trapani ne approfitta, almeno sul piano del gioco, trovando ampi spazi in contropiede, non riuscendoli tuttavia a sfruttare per chiudere la contesa, un po’ per propri demeriti, soprattutto con Dambros (che era subentrato a Tulli) che spreca almeno un paio di contropiede, facendo letteralmente imbufalire Italiano, che nel dopopartita non mancherà di pizzicarlo, e con N’Zola (subentrato ad uno stremato Evacuo) che si interstardisce in improbabili dribbling personali, sprecando potenziali occasioni che meritavano viceversa miglior sorte, e anche per merito del portiere avversario, che soprattutto su Golfo, riesce a salvare il risultato, regalando ai suoi qualche altro secondo di speranza.

Speranza vana per ns fortuna, perché la difesa granata ieri è stata impenetrabile, con capitan Pagliarulo che non ha sbagliato un intervento, con Mulè che è tornato ad essere quello perfetto di inizio stagione, con Scrugli e Costa Ferreira che l’hanno ben protetta sugli esterni.

Alla resa dei conti il Rende, all’interno della sua buonissima partita, ha creato una sola occasione veramente pericolosa, con un contropiede nel primo tempo concluso con un colpo di testa da distanza ravvicinata che ha fatto correre un brivido lungo la schiena dei tifosi granata.

Il Trapani invece ha saputo soffrire, è rimasto sempre compatto, ha capitalizzato al massimo il gioiello su calcio piazzato, e nel finale ha più volte sfiorato il raddoppio, molto di più di quanto il Rende abbia rischiato di pareggiare.

Dunque vittoria della compattezza, e del pragmatismo, se vogliamo, che fa da contraltare alla sconfitta di una settimana prima contro la Juve Stabia, nella quale la prestazione tecnica era stata sicuramente superiore, nella quale il Trapani avrebbe senz’altro meritato almeno il pari se non la vittoria e che invece ha raccolto solo un pugno di mosche.

Vittoria che conclude in crescendo una settimana di impegni ravvicinati, iniziata appunto con la sconfitta interna contro la Juve Stabia, proseguita con il pareggio in rimonta a Potenza e conclusa con questa vittoria contro il Rende, sofferta, ma meritata senza discussione.
Adesso la settimana sarà proiettata verso l’impegno di domenica prossima a Pagani, prima dell’impegno di Santo Stefano in casa contro il Catanzaro, ultima partita del girone di andata.
Per parlare di tutto questo, e di molto altro ancora, l’appuntamento è per questa sera alle ore 21:00 in diretta su Zakradio.net con tutta la squadra di 100% Granata, insieme ai nostri ospiti in studio e ai vs commenti.
Non dimenticate di lasciare il vs like alla ns pagina 100% Granata per essere sempre informati su tutto ciò che riguarda lo sport trapanese.
Tony C.
#cpg #zakwinterseason #zakradio #staytuned #limportanzadiesserci

Giuseppe Campo

Dicembre 18th, 2018

No comments

Comments are closed.

Menu Title
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: